Skip to Content

Sono oltre 3 milioni le auto circolanti su cui non viene fatta la manutenzione

E’ questo che ha indagato il Centro Studi e Documentazione di Direct Line – la più grande compagnia di assicurazione auto online – interrogando oltre 1000 automobilisti.

Dall’indagine risulta che gli italiani sono consapevoli della necessità di fare manutenzione al proprio mezzo, sia per una questione di sicurezza che di mantenimento in vita dell’auto, tuttavia si rileva che il 12% dichiara di non fare nessuna manutenzione alla propria vettura a causa dei costi troppo alti e del fatto che l’auto è vecchia e non vale la pena investirci soldi. Il dato è certamente allarmante se si considera il parco auto circolante: stiamo parlando di oltre 3 milioni di auto su cui non viene fatta neanche la manutenzione ordinaria.

Riguardo ai costi di manutenzione, se nel 2012 era solo il 34% a giudicarli cari, oggi questo dato è addirittura triplicato ed è arrivato al 93%. Risulta, infatti, sempre più diffusa in Italia l’abitudine di organizzarsi e occuparsi da soli della manutenzione della macchina (60%). Analizzando i dati più nel dettaglio si nota infatti che il 23% ricorre al fai da te, il 17% solo per le cose più semplici, il 13% affida la manutenzione al partner, mentre il 7% si occupa direttamente solo delle operazioni ordinarie, senza quindi intervenire sullo smontaggio e relativa sostituzione di parti meccaniche.

Inoltre risulta che, se nel 2012 il 94% degli italiani giudicava il tagliando assolutamente necessario, questa percentuale è scesa nel 2015 al 69%. Nello specifico, di questi, il 40% degli intervistati sostiene che siano imprescindibili per la sicurezza e il 29% che siano connaturati alla vita della macchina. New entry nel 2015 la percentuale degli sfiduciati che adempie comunque ai proprio obblighi, ma che considera inutili le spese relative alla manutenzione dell’auto (19%).
Il 7% dichiara che avendo una vecchia vettura non vale più la pena investirci denaro. Fortunatamente solo il 5% del campione dichiara di non curarsi più della manutenzione dell’auto, sottovalutando il fattore di rischio che ne deriva.

“Gli italiani sono sempre più preoccupati e attenti ai costi di gestione e mantenimento delle proprie auto. – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing di Direct Line - Spesso, infatti, questi fattori influiscono anche sulle scelte di acquisto dell’auto, facendo propendere il consumatore verso modelli meno cari da mantenere e gestire nel tempo”.

“Ricordiamo tuttavia – conclude Barbara Panzeri -  che solo facendo controlli periodici e puntuali si mantiene la propria vettura in buone condizioni, garantendo la sicurezza per se stessi e gli altri. Solitamente si usa ed è buona norma effettuare due controlli nel corso dell’anno, sia prima dell’inizio delle vacanze estive che prima dell’inizio della stagione invernale. Un valido aiuto per poter garantire la corretta manutenzione dell’auto, anche se magari solo per pochi esperti, potrebbe arrivare dal “Manuale d’uso e manutenzione dell’automobile” normalmente in dotazione alla vettura.”

Torna su