Skip to Content

In viaggio con papà

Finché gli spostamenti in auto riguardano il tragitto da casa a scuola non c’è quasi il tempo di annoiarsi, ma in occasione di viaggi più lunghi come si organizzano mamme e papà per non far sembrare il viaggio interminabile? Un’indagine del Centro Studi e Documentazione Direct Line, la più grande compagnia di assicurazione auto on line, rileva che questo dubbio tocca più della metà degli italiani: il 56% del campione infatti viaggia spesso con bambini a bordo, e a sorpresa sono più gli uomini (60%) rispetto alle donne (51%) a guidare con il proprio pargolo sistemato nel seggiolino con la cintura di sicurezza.

Il problema non si pone per il 20% degli intervistati, genitori di bambini abbastanza grandi da non necessitare di particolari attenzioni o che si addormentano appena inizia il viaggio 16%.

Ma come si comportano gli altri automobilisti con figli? Il 5% del campione afferma di essersi organizzato da tempo con un dispositivo per auto che permette di vedere film e cartoon durante il tragitto, il 17% del campione che - fedele al motto ‘canta che ti passa’ - sceglie di allietare i bambini durante un lungo tragitto con canzoncine divertenti, mentre l’11% inventa giochi di ogni tipo per far trascorrere il tempo più velocemente. Il 23% non fa nulla di particolare e per finire il 6% si dedica ai racconti di aneddoti e vecchie storie.

E’ nota la capacità dei  bambini di saper trasformare, se vengono presi dalla noia, un viaggio di piacere in un incubo.

Per questo Direct Line ha chiesto ai genitori di rivelare quali siano i giochi migliori da fare in auto con i propri figli piccoli. Il 37% degli intervistati ammette di inventarsi filastrocche, mentre il 20% si affida all’improvvisazione creando giochi sui colori delle altre macchine oppure sulle targhe. Tra gli adulti c’è anche un 7% talmente patito di motori da aver insegnato ai propri bambini tutti i modelli di auto, tanto da farlo risultare un allegro diversivo. Infine il 32% del campione ammette di cimentarsi in ogni tipo di passatempo pur di evitare il ripetersi all’infinito della fatidica domanda ‘Siamo Arrivati?’ che ogni voce di bambino ha sillabato almeno una volta nella vita.

‘Il viaggio in auto per bambini e genitori può diventare un’esperienza divertente con l’aiuto di un po’ di fantasia - commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Line – I giochi tuttavia non devono mai far passare in secondo piano la sicurezza, priorità imprescindibile a bordo dell’auto:
ricordandoci inoltre che i bambini in auto possono essere fonte di distrazione per chi guida, se non sono correttamente trasportati.

Anche per questo Direct Line ricorda che in base al Nuovo Codice della Strada tutti i passeggeri al di sotto dei 12 anni devono sempre viaggiare  assicurati a un sistema di ritenuta omologato, adatto al loro peso e alla loro statura.’

Torna su